Divani on similpelle

Divani on similpelle
  • In offerta!

    Divano Art. ES0164

    4102.460 3452.090

    Divano dal design ricercato e innovativo. Originali i movimenti che permettono di scegliere diverse posizioni regolando l’altezza e la profondità del cuscino schienale e regolando le varie posizioni che può assumere la seduta. E’ in linea con lo schienale un meccanismo “a scatto” che permette al cuscino schienale di assumere due posizioni: la prima quella bassa; la seconda quella alta. La seduta, invece è completamente libera e la sua posizione può essere gestita a piacere creando il comfort più idoneo alla nostra postura. Le combinazioni sono infinite. Per una maggiore stabilità sono dotati di piedini antiscivolo.

  • In offerta!

    Divano Art. ES0163

    5822.194 5001.870

    Armonia e comfort hanno finalmente trovato un’unica identità. Massimo equilibrio fra forme geometriche di forte personalità. Da provare anche la postura con le varie inclinazioni dello schienale.

  • In offerta!

    Divano Art. ES0162

    532.537 302.160

    Design e comodità, finalmente hanno trovato un’unica identità. La ricerca “del bello” non più fine a sé stessa, ma interpretata come stile di vita. Schienali e appoggia testa sono indipendenti e reclinabili in diverse posizioni. Sta a noi scegliere la posizione più consona alla nostra postura.

  • In offerta!

    Divano in Pelle Art. EX0004

    1033.437 852.750

    Divano componibile in pelle fiore.

    Questo divano è sicuramente comodo. La sua forma e il suo design ci suggeriscono questo. Inoltre, potremo definirlo un sofà classico. Nel senso etimologico del termine, bensì nel senso di un prodotto non condizionato ai mutevoli cambiamenti dei gusti e delle mode. Siamo sicuri che anche fra 20 anni sarà un sofà ben apprezzato dal pubblico.

     

  • In offerta!

    Divano Art. EX0003

    2.3694.428 1.8953.545

    Divano componibile.

    Dovremmo sprecare diversi aggettivi superlativi per classificare questo meraviglioso divano componibile. Ci asteniamo per questa semplicissima ragione: crediamo, modestamente, che le immagini possano “parlare” da sole.